L'universale ed eterno fascino di Leonardo da Vinci.

Oggi vorrei segnalarvi il bellissimo articolo di Achille Bonito Oliva, dedicato al genio di Leonardo da Vinci (Il Venerdì, supplemento di Repubblica, 3 febbraio 2012, pp. 14 e seguenti) e intitolato: Leonardo. Il miracolo italiano del genio oltre la crisi. Davvero interessantissimo!

Ve ne cito qui l'incipit.: " Leonardo di ser Piero da Vinci nasce a Vinci nel 1452 e muore ad Amboise il 2 maggio 1519. Pittore, ingegnere, architetto, scultore, anatomista, musicista, scenografo e infine inventore, uno spirito eclettico che lo rende oggi molto attuale, popolare e riconosciuto. Leonardo è dominato da un forte senso del gioco, sperimentale ed impaziente, un'educazione disordinata che gli permette di imparare a scrivere con la sinistra (come si farà poi nei Paesi anglosassoni, specialmente negli Stati Uniti) ed alla rovescia, da destra verso sinistra. Piccole disobbedienze che gli consentono di proteggere i propri segreti della mente e quelli di una fantasia sicuramente dominata da un positivo delirio di onnipotenza."

Il successo di questo personaggio sembra proprio destinato non solo ad esaurirsi, ma anzi ad aumentare sempre più nel tempo, come si può constatare, se anche vi fosse qualche dubbio, dai dati di affluenza del pubblico alla mostra londinese Leonardo da Vinci pittore alla corte di Milano, allestita dallo scorso novembre alla National Gallery e che raduna insieme i capolavori dell'artista, facendoli confluire dai principali musei in cui sono conservati (Louvre, Hermitage, Musei Vaticani, Museo di Cracovia e altri). Si tratta della mostra più completa che sia mai stata organizzata su Leonardo.

Si tratta anche di un annus veramente mirabilis per Londra, come ha scritto qualche giornalista: il giubileo di diamante della Regina Elisabetta, le Olimpiadi, il bicentenario della nascita di Dickens e, dal 23 aprile in poi, il World Shakespeare Festival, per celebrare il grande drammaturgo, in corrispondenza con lo svolgimento dei giochi olimpici. La cerimonia di apertura e di presentazione dell'evento sarà ispirata a La Tempesta.

Una Londra da non perdere, insomma! Sotto l'aura positiva dell'archi-star Leonardo!:)


Un caro saluto a tutti,

Elena.

Nessun commento:

Posta un commento