Evviva le fiabe!

Che belle le fiabe!

Di ogni epoca, cultura, latitudine o società, vengono lette da grandi e piccini.

Ci fanno sognare e stimolano la nostra immaginazione, trasmettendoci al tempo stesso un'affascinante sapienza sia pratica che intellettuale che può rivelarsi utile per affrontare meglio la vita,
per interpretarla più lucidamente e per apprezzarne meglio il significato, a volte opaco.

Vi consiglio questo elegante sito che ne raccoglie una bella scelta, di tutti i tipi,
da quelle più antiche alle classiche arcinote,
per arrivare alle "fiabe del mondo",
appartenenti ai repertori culturali di differenti paesi e continenti.

Potete inviare a questo sito anche le vostre fiabe, se ne avete composta qualcuna o se siete appassionati di scrittura.


Ho copiato sempre da questo simpatico sito
la deliziosa Filastrocca impertinente
di Gianni Rodari.

Filastrocca impertinente,
chi sta zitto non dice niente;
chi sta fermo non cammina;
chi va lontano non s'avvicina;
chi si siede non sta ritto;
chi va storto non va dritto;
e chi non parte, in verità, in nessun posto arriverà.

Gianni Rodari - Filastrocca impertinente

Piacevoli sogni e racconti a tutti!

Elena

1 commento:

  1. Amo Gianni Rodari e un giorno, evidentemente ispirato da una recente lettura di qualche suo libro, mi è venuta in mente questa filastrocca. Spero ti piaccia. Si intitola L'orologio mogio

    Sono mogio
    come un orologio
    che fa sempre le sette
    e mai nessun si mette.
    Quand'ecco, all'improvviso,
    insorgere un sorriso.
    Ci sono buone nuove:
    son le sei e cinquantanove!
    Son gaio e son giulivo,
    tra un minuto sarò vivo.

    Complimenti per il blog!
    Ciao

    RispondiElimina