I nemici della democrazia secondo Todorov.

Eccoci ancora insieme!:-) Oggi vorrei segnalare alla vostra attenzione l'opera Les ennemis intimes de la démocratie (Editions Robert Laffont), ultimo saggio di Tzvetan Todorov, autore bulgaro-francese geniale ed eclettico che prediligo e sul quale ho scritto la mia tesi di laurea. Dopo aver letto, sui principali quotidiani e su vari siti web, alcune interessanti recensioni sull'opera, l'ho acquistata. Questo articolo, a firma di Alberto Papuzzi, pubblicato sul sito web de La Stampa, illustra efficacemente i temi affrontati da Todorov. 

Con un'interpretazione a mio avviso illuminante e distinguendosi da molte analisi banalizzanti proposte dai media, sostiene che i nemici più pericolosi per la democrazia non siano tanto quelli esterni, per così dire, come le varie forme di terrorismo, i fondamentalismi o le dittature, quanto, piuttosto, proprio quelli interni alla democrazia stessa ovvero i molteplici mali o le "serpi" coltivate in seno, quali l'individualismo esasperato, il neoliberismo senza regolamentazione o "ultra-liberismo", il "messianesimo populista", secondo le definizioni stesse dell'autore, ed anche le derive populiste.

Indicazioni bibliografiche per acquistarlo: T. Todorov, I nemici intimi della democrazia, Garzanti, Milano, 2012.

Nessun commento:

Posta un commento